mercoledì 23 novembre 2011

Occhio non vede... Parlamentare non duole...

Compito di fisica. Primo banco, fila destra, lato parete. Non sono mai stato un genio in fisica, neanche in matematica oltretutto, e nemmeno un miracolo avrebbe potuto salvarmi. Un miracolo no, ma un collega astuto direi di sì. Ecco quindi che la macchina salva-alunno-incapace entra in azione. Mi passano il pizzino ed inizio a copiare. Felice d'aver portato a casa il risultato, non mi accorgo dell'occhio attento della professoressa.
"Pirruccio, passami quel biglietto..."
"Professoressa, la richiamo all'ordine e la invito a rispettare la mia privacy!"
"Bene. Io la richiamo alla cattedra, biglietto in mano e compito in classe..."
Ecco. Non è stata una risposta granché intelligente da dare. Quel biglietto, a onor del vero, riguardava il compito, era indirizzato a me e qualche occhio indesiderato se n'era accorto.
Lontano dai banchi, vicino alle poltrone del Parlamento, la situazione non è delle più rosee. Niente prof, ma fotografi dallo scatto felino. Ed ecco che Berlusconi viene immortalato mentre trascrive la storica, triste scaletta di eventi che lo porteranno alle dimissioni; Monti con la letterina d'amore di Enrico Letta fra le mani; parlamentari mentre dormono, altri mentre mangiano, alcuni mentre guardano le tette della Arcuri sul web e altri ancora mentre giocano con le Micro Machine fra i decreti. Tutti quanti vittime inesorabili di una Nikon o di una Canon. Inconcepibile.
E quindi che fare? Assemblee a luci spente? Ci sono i flash. Porte chiuse? L'aria si fa pesante. "No photo" come nei musei? Ok, rischio per l'antiquariato, ma molti di loro hanno il lifting. E quindi? Quindi, lasciami pensare, possiamo, possiamo, possiamo, possiamo... Eureka! Tiriamo in ballo la CARA VECCHIA STORIA della privacy! La privacy! Si può fare!
E pensare che io, a suo tempo, con il pizzino della discordia in mano, provai a farla franca con la storia della privacy, ma la portata della stronzata che tirai fu così grande da compromettere ulteriormente la mia situazione. Ora, in circostanze ben più serie, di fronte a cariche istituzionali e compiti ben più importanti, c'è chi ha il coraggio di giustificare il lampo di genio. Paradosso.
Lasciamoli fuori i giornalisti, i fotografi, coloro che rischiano di rendere trasparenti le nostre riunioni di famiglia. Sbattiamoli fuori, eravamo 4 amici al bar, possiamo essere 630 deputati in Parlamento? 
Vuoi forse dire che la colpa è nostra? Vuoi forse insinuare che risolveremmo la questione se io mi privassi di mandare pizzini, dormire o giocare a squash sul posto di lavoro? 
Sì, diavolo, sì. Potrei forse dare la colpa ai fotografi se immortalano la realtà dei fatti? E' come se io, durante quel famoso test di fisica, avessi dato la colpa alla professoressa per aver deciso di fare il compito in classe costringendo indirettamente il mio amico a mandarmi i risultati degli esercizi. Fantascienza.
Eppure mi diverto, mi diverto a parlare di queste fesserie. Sarà che anch'io, come loro, voglio concentrarmi sui piccoli sassolini, illudermi che il terreno sia facile da ripulire, nonostante ci siano macigni ben più grossi da togliere prima di renderlo coltivabile.
C'è una sola differenza: io posso permettermelo, male che vada morirò di fame. Voi no, bene che vada affonda il Paese.

5 commenti:

Andrea ha detto...

Me lasci sempre un'amarezza....mannaggia a te!

Sileno ha detto...

Per fortuna in questo Paese non ci sono solo disonesti nullafaccenti strapagati, (anche fra i parlamentari ho conosciuto personalmente molte persone oneste e serie), ora la mia generazione ha fallito di brutto lasciando a voi giovani precarietà, insicurezza e cattivi esempi e quando questo accadeva anche troppi fra noi che credevamo in certi valori,eravamo girati dall'altra parte; ora il mio augurio che voi giovani non ricadiate nei nostri errori e che riusciate a lasciare un mondo migliore ai vostri figli.
Un abbraccio

Bl4cKCrOw ha detto...

@Andrea

Aahahhahahahahaha... Mi dispiace... ahhaahhahahahahahahaha... Cercherò di essere meno amaro prossimamente :D

@Sileno

Non credo sia stata la tua generazione a fallire. Mi sembra il naturale corso delle cose, legato da sempre alla "libido possidendi" e alla "libido dominandi". Siamo figli delle stesse generazioni e degli stessi uomini. Si evolvono le tecnologie, ma è duro credere che possa evolversi anche l'uomo... I miei (forse) futuri figli? Che si aspettino di tutto...
Ricambio l'abbraccio :)

Nicole ha detto...

Geniale metafora. Pillola amara di uno spaccato che proprio non va!

Bl4cKCrOw ha detto...

E chissà quanto ancora si spaccherà... :|

Abbracci Zia \o/

Posta un commento

Lascia un pensiero

 
;